Che cosa fa meditazione al cervello?

May 31

Che cosa fa meditazione al cervello?

Storie di come la meditazione migliora la qualità della vita sono vecchie come la pratica stessa. Artisti marziali hanno usato meditazione per migliorare le prestazioni fisiche. I monaci hanno utilizzato per raggiungere l'illuminazione, in Unione con il divino e l'equanimità con le sfide della vita. Dalla fine del XX secolo, grazie alle tecnologie di imaging che forniscono una sbirciatina nell'attività cerebrale, possiamo ora vedere questi benefici all'interno della struttura del cervello. Meditazione in realtà colpisce la struttura e la funzione del cervello stesso.

Migliora l'attenzione

Meditazione migliora sia la durata e la qualità dell'attenzione. In uno studio riferito nel numero di maggio 2010 di "Psychological Science", ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine ha trovato che tre mesi di regolare meditazione sul respiro ha migliorato sia la vigilanza sostenuta attenzione visiva. Antoine Lutz, un ricercatore del centro di indagare menti sane, effettuato uno studio simile ed abbiamo trovato che questo miglioramento nell'attenzione era accompagnato da "coerenza di fase avanzata Teta-banda di oscillatori risposte neurali sopra aree del cervello anteriore". In altre parole, la meditazione ha cambiato l'attività elettrica del cervello, con conseguente fuoco mentale nitida e una migliore capacità di attenzione.

Mantiene il cervello giovane

Meditazione migliora anche la connettività del cervello. Uno studio 2011 condotto presso la University of California Los Angeles School of Medicine ha trovato che la meditazione ha cambiato la struttura del cervello. Praticanti di meditazione da molto tempo hanno mostrato connessioni neurali più tra le diverse aree del cervello. Connessioni neurali sono essenziali per un'elaborazione efficiente delle informazioni. Connessioni neurali, che sono rese possibili dalla materia bianca del cervello, in genere diminuiscono con l'età. Nello studio di UCLA, il declino della materia bianca in chi medita non era come pronunciato come era in coloro che non. Questa scoperta ha portato i ricercatori a postulare che meditazione può aiutare a rallentare senile declino nel cervello.

Riduce il dolore

Meditazione aiuta anche a ridurre il dolore. Questo uso è uno dei motivi perché meditare artisti marziali. I ricercatori non sono completamente sicuro quale meccanismo nel cervello provoca questo effetto, ma hanno una teoria. Dr. Christopher Brown dell'Università di Manchester suggerisce che meditazione "si allena il cervello ad essere più orientato al presente." In altre parole, l'anticipazione del dolore futuro non composto l'esperienza del dolore attuale. Chi soffre di dolore cronico, quando meditano, sono in grado di rilassarsi e affrontare il dolore del momento senza tanto fisico ed emotivo tensione.

Riduce l'ansia e la depressione

Meditazione, inoltre, riduce l'ansia e la depressione. La formazione immagine a risonanza magnetica dimostra che coloro che meditano regolarmente hanno ispessimento corticale nella corteccia prefrontale. Questo ispessimento è particolarmente notevole nei praticanti più anziani, che hanno mostrato significativamente meno assottigliamento corticale senile rispetto a chi non meditare. Una robusta corteccia prefrontale aiuta a inibire le emozioni negative generate dal sistema limbico, il centro emotivo del cervello. La formazione immagine a risonanza magnetica funzionale dimostra che persone depresse e ansiosi e ansiosi tendono ad avere sistemi limbico iperattive. Meditazione può aiutare a costruire forti cortecce prefrontali, che a sua volta possono contribuire a modulare un sistema limbico iperattivo. Questi recenti risultati contribuiscono a spiegare l'osservazione clinica che la meditazione è utile per il trattamento di ansia e depressione.