Nel trattamento del disturbo bipolare con nutrizione & dieta

December 10

Nel trattamento del disturbo bipolare con nutrizione & dieta

L'impulsività, irritabilità ed eccitabilità associati con disturbo bipolare colpisce quasi 2 milioni di americani. Sbalzi d'umore che vanno da episodi maniacali a stati depresso possono essere paralizzante emotivamente e fisicamente faticoso. Poiché la dieta e la nutrizione gioca una parte in questo ciclo di instabilità, quelli con disturbo bipolare deve prestare particolare attenzione i cibi che mangiano. Anche se le vitamine e minerali da soli non sono suscettibili di ridurre i sintomi del disturbo bipolare, completando la dieta durante l'assunzione di farmaci amplificherà gli effetti benefici del trattamento, riducendo al minimo i potenziali effetti collaterali.

Passo 1

Consumare una maggiore quantità di acidi grassi omega-3. Questi acidi sono trovati comunemente in pesci come aringhe, sgombri, salmone, tonno e trota. Olio di pesce contiene l'acido eicosapentanoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA), entrambi i quali ridurre i rischi connessi con la malattia cardiovascolare e trigliceridi elevati. L'ingestione di olio di pesce a livelli di 0,5-1,8 g al giorno modula aree del cervello connesso con l'umore e comportamento, riducendo i sintomi del disturbo bipolare come la depressione. Se sei un vegetariano o semplicemente non come pesce, considera che prendono i supplementi in forma di pillola o provare a mangiare noci, semi di lino e canola olio, tutti che aumentare i livelli di omega-3 nel corpo.

Passo 2

Limitare l'assunzione di tiramina e alcol se si sono utilizzando farmaci psicotropi. Inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) sono potenti antidepressivi spesso prescritti a persone con disturbo bipolare. Tiramina è trovato in molti alimenti e può reagire con IMAO, conseguente alta o bassa pressione sanguigna, diarrea e mal di testa. Alimenti ricchi di tiramina comprendono yogurt, salsicce di fegato, fermentati, lenticchie, fagioli, piselli, banane, fichi e uvetta. Qualsiasi tipo di alcol di miscelazione con IMAO è sconsigliabile. In questo modo potrebbe peggiorare i sintomi bipolari da causando ipertensione o l'attivazione di uno stato maniaco-depressiva.

Passo 3

Usare il sale costantemente. Una causa primaria del disturbo bipolare è uno squilibrio di sodio nel cervello. Per questo motivo, i medici prescrivono spesso al litio, un modulatore di sodio. Tuttavia, quando si consumano grandi quantità di sale, o smettere di usare sale complessivamente, il litio nel vostro sistema aggrava questo squilibrio, rendendo il farmaco inefficace o elevandola a livelli tossici. Inoltre, l'assunzione del sale squilibrata potrebbe portare a confusione mentale, sudorazione, febbre, diarrea, problemi renali e ritenzione idrica. Di conseguenza, di sapere quanto sale si prende in tutti i giorni e mantenere coerente con la dose di litio questo importo prescritto per lei.

Passo 4

Evitare cibi ricchi di grassi saturi. Anche se il 70-80 per cento dei pazienti bipolari rispondono al litio, devono assumere il farmaco per diverse settimane prima che diventi efficace. Per questo motivo, ad azione rapida psicofarmaci come le benzodiazepine, antipsicotici e antidepressivi sono di solito prescritti nel frattempo. Un effetto collaterale potenziale degli antidepressivi è guadagno di peso. Per ridurre questo, evitare pasti ricchi in grassi e cercare di esercitare regolarmente. Mangiare verdure sane e magre carni per ridurre i rischi di obesità e ipertensione.

Passo 5

Bere acqua, latte o succo di frutta invece di bevande ad alti contenuto di caffeina. L'assunzione della caffeina alta peggiora i sintomi del disturbo bipolare e può scatenare attacchi. In genere, quando qualcuno con disturbo bipolare è in uno stato depressivo, egli consumerà i livelli elevati di caffeina per elevare il suo umore, che può oscillare la persona in uno stato maniacale neutralizzando gli effetti sedativi delle benzodiazepine, inibendo il normale sonno, elevando l'ansia, elevando il battito cardiaco e avvio di attacchi di panico. Ridurre l'assunzione di caffeina tagliando il cioccolato, caffè, soda e altri alimenti contenenti caffeina o bevande.