Definizione di respirazione agonica

January 15

Definizione di respirazione agonica

L'apparato respiratorio è responsabile per lo scambio di gas all'interno del corpo. Si compone di naso, bocca, trachea e polmoni. L'azione automatica di respirazione si verifica circa 20.000 volte al giorno, portando ossigeno nel corpo di energia e di crescita. In genere, non devi preoccuparti per il tuo modello di respirazione. Quando il tuo corpo ha bisogno di più ossigeno, aumenta il tasso di respirazione. Ma quando il corpo sta soffrendo, il vostro scambio di ossigeno e tasso di respirazione è interessato.

Tasso respiratorio

Tasso respiratorio è quanti respiri una persona prende in un minuto. Il normale tasso di respirazione è tra 15 e 20 respiri al minuto. I più attivi si è, più ossigeno che i muscoli hanno bisogno, quindi il tasso di respirazione aumenta a soddisfare questa richiesta. A riposo, è considerato anormale ad avere tassi di respirazione maggiori di 25 o meno di 12. Respiri agonica possono essere bassi come tre o quattro respiri al minuto.

Respirazione agonica

Respirazione agonica conosciuto anche come senza fiato. È un segno che il corpo non riceve l'ossigeno di che cui ha bisogno. Si verifica più spesso quando una persona attivamente sta morendo. Essi sono indicativi di arresto cardiaco o il processo di morire di cancro ai polmoni o enfisema.

Presentazione

Le note di associazione americana del cuore che respirazione agonica può presentare come sniffare, gorgoglii o ansimante suono. La durata varia da persona a persona, dura pochi minuti-a volte ore. Respirazioni normali sono regolari per quanto riguarda la tempistica. La respirazione agonica è irregolare e sporadici. È importante ricordare che la respirazione agonica non è sufficiente a fornire ossigeno al corpo. È un segno di afflizione e non viene quindi considerata respirazione.

Arresto cardiaco

Una nota positiva, l'American Heart Association cita che un paziente che visualizza respirazione agonica quando colpite da arresto cardiaco ha una migliore possibilità di sopravvivenza rispetto a uno che non lo fa. Essi indicano inoltre che quando respiri agonica sono presenti, il cervello è ancora funzionante. Quando CPR viene eseguita su coloro che sono ancora ansimante, hanno una migliore possibilità di sopravvivere rispetto a quelli che non mostrano segni di respirazione.