Cose da fare: Mongolia

August 6

Cose da fare: Mongolia

Immaginate una passeggiata a cavallo attraverso la stessa pianura incontaminata dove Gengis Khan ha portato l'espansione del più grande impero nella storia. Secoli più tardi, Mongolia ha conservato le sue tradizioni nomadi mentre apre le sue porte per sviluppo e turisti provenienti da tutto il mondo. Esplorate questa raccolta di montagne, laghi, deserti e praterie..--che insieme formano una regione quasi le dimensioni di Alaska--separazione tra Russia e Cina.

Deserto di Gobi

Cammello trekking, escursionismo e arrampicata e motore tour sono ampiamente disponibili per i visitatori di avere un assaggio dello stile di vita nomade, ma il Gobi è costituito da dune di sabbia più spettacolarmente scolpite. Parco nazionale di Gobi Gurvan Saikhan vanta oasi, paludi e zone umide, steppa di montagna e prati rigogliosi. Il rosso fiammeggiante scogliere di Bayanzag sono un popolare sito tra paleontologi sin dalla scoperta delle uova di dinosauro ci nel 1922. Il Yolin Am è una valle in cui ghiaccio è presente a metà luglio.

Khan Khentii Area severamente protetta

Solo tre ore a nord-est della capitale Ulaanbaatar, che si estende al confine con Russia, è più di 7.600 miglia quadrate di deserto boschiva protetta e la patria di Gengis Khan. Il Khan Khentii rigorosamente Area protetta include Burkhan Khaldun, considerata la montagna più sacra in Mongolia e così dichiarata da Gengis Khan. La montagna contiene più di 800 siti di sepoltura storici. Campi turistici offrono servizi da pic-nic a prendere in una giornata di escursione a noleggio mountain bike. Rafting e nuoto sono attività rinfrescante per luglio e agosto.

Montagne sacre della Mongolia

Sedici cime sacre sono protetti in tutto Mongolia per il loro simbolismo cultura. Montagna di Bogd Khan è area protetta ufficiale più antico del mondo, ricevendo l'indicazione nel 1778. Il picco di 7.440-piede si affaccia Ulaanbaatar e ospita anche il monastero di Manzushiry, fondata nel 1750, e siti archeologici con 3.000 anni di pitture rupestri. Otgon Tenger è stata ritenuta un'area protetta nel 1992. Insieme, queste due montagne e Burkhan Khaldun formano un triangolo definizione dei confini del centro spirituale della Mongolia. Inoltre, le quattro cime che circondano Ulaanbaatar sono considerate sacre: Tsetseegum, Čingėltėj, Songino Khairkhan e Bayanzurkh. Escursioni e passeggiate a cavallo guidate sono disponibili per visitare le montagne sacre. Il periodo migliore per andare è tra l'inizio di giugno e la fine di settembre. Un permesso del parco può essere richiesto.

Festival annuali

Nonostante il clima continentale estremo della Mongolia, ci sono cose da fare nel freddo dell'inverno pure. Kazaki celebrano la festa di Golden Eagle in Mongolia occidentale e il Festival del cammello è celebrato nel Gobi ogni marzo. I visitatori possono pattinare sul ghiaccio su laghi ghiacciati e vai slitte trainate da cani, cavalcare cavalli o prendere un cammello attraverso la steppa innevata e soggiorno con i nomadi nel feltro tradizionale capanne chiamato gers o yurte. Nel mese di luglio, il Festival di Tsaatan presenta polo renna, canottaggio e una carovana di yak in provincia Khuvsgul. E il più grande festival nazionale, tenuto nel mese di luglio in Mongolia, è il Festival di Naadam, che dispone di wrestling, corse di cavalli e tiro con l'arco. Festival di Yak di luglio in Valle dell'Orkhon, vicino alla cascata di Ulaantsutgalan, mette una rotazione decisamente locale su rodeo.

Sicurezza

A partire dalla data di pubblicazione, il dipartimento di stato americano osserva che la Mongolia non è un'area di attività terroristiche. Criminalità di strada, però, è comune a Ulan Bator, soprattutto intorno ai festival che attirano turisti. I viaggiatori sono invitati che in tutti i comuni calore durante l'inverno può essere limitato o soggetta alla potenza totale fallimento. Acqua in bottiglia è raccomandato. Acqua da altre fonti può causare la malattia. Poche strade di fuori della capitale sono asfaltate e viaggiare su di essi di notte non è raccomandato.