I più comuni farmaci ADD

October 2

I più comuni farmaci ADD

Farmaco può ridurre i sintomi del disturbo da deficit di attenzione e disordine di iperattività di deficit di attenzione o ADD/ADHD, che può includere impulsività, disattenzione e agitazione. Tali farmaci sono dotate di effetti collaterali e i fastidi coinvolti con altamente sostanze controllate e non sono gli unici metodi disponibili all'indirizzo ADD/ADHD. Se sei il genitore di un bambino con ADD/ADHD o concedetevi ADD/ADHD, aiuta a conoscere i farmaci disponibili.

Stimolanti

Gli stimolanti sono più frequentemente prescritti e ricercato il tipo di farmaco per ADD/ADHD. Hanno il più lungo track record per trattare questo disordine, con la Food and Drug Administration che approva il metilfenidato (Ritalin), un'anfetamina, nel 1955. La classe stimolante include farmaci stabiliti compreso Adderall e Ritalin. Stimolanti vengono formule sia breve durata d'azione e tempo di rilascio. Effetti degli stimolanti di breve durata d'azione tendono ad iniziare a scemare dopo circa quattro ore e pertanto devono essere preso due o tre volte al giorno. Tempo di rilascio formule durano fino a 12 ore e in genere vengono prese solo una volta al giorno. Quest'ultimo è popolare con i genitori dei bambini con ADD/ADHD, come il farmaco può essere somministrato da casa senza il coinvolgimento di scuola o peer. Gli adulti con ADD/ADHD spesso preferiscono le formulazioni tempo rilascio perché sono meno propensi a dimenticare di prendere una dose.

Gli stimolanti sono creduti per lavorare, aumentando la quantità di dopamina e noradrenalina nel cervello. I neuroni della dopamina sono generalmente associati con regolazione memoria, stato d'animo e comportamenti che cercano ricompensa. Per molte persone con ADD/ADHD, farmaci dello stimolante migliorano attenzione e messa a fuoco durante la gestione di comportamenti iperattivi e frettoloso.

Stimolanti per ADD/ADHD possono provocare o peggiorare i sintomi di ansia, di depressione e di ostilità. Pazienti con una storia personale o familiare di tentativi di suicidio, ansia, depressione o droga devono essere attentamente monitorati mentre su questi farmaci. Altri effetti collaterali includono piedi freddi e mani, insonnia, problemi digestivi e mal di testa.

Gli stimolanti sono classificati come pianificazione due farmaci, il che significa che i pazienti devono dimostrare di identificazione con un indirizzo fisico, devono avere ricette originali di carta dal medico ogni mese e non possono riempire per posta. Molti pazienti di ADD/ADHD, che già hanno problemi di organizzazione e realizzazione di attività, trovano questi ostacoli scoraggiante.

Farmaci non stimolanti

Mentre gli stimolanti sono i farmaci più comunemente prescritti per ADD/ADHD, i pazienti sempre più utilizzano farmaci non stimolanti per il trattamento della condizione. Wellbutrin, un antidepressivo popolare, ha indicato la promessa nel trattamento di ADD/ADHD. Effetti collaterali per questo farmaco possono includere insonnia, paranoia e ansia.

Uno studio pubblicato nel Journal of Child e psicofarmacologia adolescente nel 2000 suggerisce che Provigil, un farmaco originariamente progettato per disturbi del sonno di indirizzo, può essere un farmaco efficace per ADD/ADHD. Purtroppo, la maggior parte delle compagnie di assicurazione non coprirà questo farmaco per qualcosa di diverso da disturbi del sonno, e costi mensili possono superare 200 dollari mensili. Come la droga diventa riconosciuta per i suoi benefici di ADD/ADHD, c'è la possibilità che le compagnie di assicurazione comincerà a coprirlo.

Strattera è diventata una delle ricette più popolari non stimolante per indirizzamento ADD/ADHD. Originariamente testato come un antidepressivo, il farmaco ha avuto più successo nel trattamento dei sintomi di ADD/ADHD. Mentre Strattera è libero di stimolanti, non è necessariamente privo di alcuni effetti collaterali simili, fra loro l'insonnia e la notte delle gambe.

Persistenza, pazienza

Come con la maggior parte dei farmaci progettati per trattare condizioni mentali, persistenza, la pazienza e la comunicazione con il vostro fornitore di assistenza sanitaria sono la chiave. Informare immediatamente il medico se si verificano effetti collaterali o prima di considerare l'interruzione del suo farmaco.