Caffè e del sistema nervoso centrale

November 14

Caffè e del sistema nervoso centrale

Il caffè è una bevanda universale con un consumo mondiale di circa 10 a 13 miliardi di libbre all'anno. Circa otto a 10 americani bere caffè, e molte persone dipendono da esso svegliarsi ogni mattina. Mentre il caffè è ricco di antiossidanti, contiene fibra e ha numerosi benefici per la salute, viene consumato principalmente perché aumenta la sensazione generale di benessere. La caffeina contenuta nel caffè stimola il sistema nervoso centrale, diminuendo la sonnolenza e aumentare la vigilanza mentale.

Caffeina in una tazza di caffè

Secondo MayoClinic.com, la quantità di caffeina in una tazza di caffè varia e dipende dalla tostatura e macinazione dei chicchi di caffè, come pure il tempo di brew. Una tazza di 16 once di caffè preparato da un negozio di caffè contiene 143 a 206 mg di caffeina, mentre un espresso 1-oz contiene 58 a 75 mg di caffeina. Alcuni altri prodotti contenenti caffeina sono tè, bevande analcoliche, sport e bevande energetiche e cioccolatini. In media, un americano ha un consumo giornaliero di 280 mg di caffeina da tutte le fonti.

Assorbimento di caffeina

Poco dopo si beve si fanno sentire gli effetti del caffè. Questo è perché la caffeina nel caffè non ha bisogno di digestione ma viene assorbita nello stomaco e nell'intestino tenue. Caffeina, quindi, entra nel flusso sanguigno e raggiunge diverse parti del corpo. Nel cervello, la caffeina è efficace nella riduzione della stanchezza e sonnolenza per un breve periodo. Caffeina è escreto nelle urine diverse ore dopo il consumo.

Effetti sul sistema nervoso centrale

Il cervello e il midollo spinale costituiscono il sistema nervoso centrale, che è responsabile per l'inoltro di segnali esterni e interni da e verso il cervello. La caffeina contenuta nel caffè è un prodotto chimico che influisce sull'attività e la funzione del sistema nervoso centrale. A causa della sua azione nel migliorare la prontezza di riflessi, la caffeina si riferisce spesso come stimolante del sistema nervoso centrale.

Caffeina come stimolante

Quando si è stanchi, il tuo cervello produce una sostanza chimica chiamata adenosina. L'adenosina si lega ai recettori specializzati, che rallenta l'attività delle cellule nervose e ti fa sonnolento. La caffeina ha una struttura chimica che è simile all'adenosina e prende il suo posto presso il sito del recettore dell'adenosina. Caffeina, tuttavia, funziona in un modo che è opposta a quella dell'adenosina. Stimola l'attività delle cellule nervose, così che invece di sentirsi assonnato, sei largo sveglio, energico e vigile.