Come leggere un MRI di rottura della cuffia dei rotatori

October 9

Come leggere un MRI di rottura della cuffia dei rotatori

La cuffia dei rotatori è un gruppo di muscoli e tendini che tengono il vostro osso di braccio superiore (Omero) in vostra spalla presa. Comuni cause di lesioni della cuffia dei rotatori sono caduta, sollevamento e ripetitive attività di braccio, afferma la Mayo Clinic. Fattori di rischio per una lesione della cuffia dei rotatori comprendono età, partecipazione in attività atletiche, una carriera in costruzione, cattiva postura e muscoli della spalla debole, secondo la Mayo Clinic. Il medico probabilmente effettuerà la formazione immagine a risonanza magnetica (MRI) per visualizzare il muscolo o tendine che è danneggiato. Segui queste indicazioni per leggere un MRI di una cuffia dei rotatori.

Passo 1

Guardate la schermata di MRI o pellicola e assicurati che il tuo nome è su di esso e che è la data corretta. Assicurarsi che l'immagine sia della spalla corretta che ha la lesione della cuffia dei rotatori.

Passo 2

Individuare la scapola e l'omero.

Passo 3

Chiedi al tuo medico per sottolineare il sovraspinoso, che è il muscolo più comune interessato, secondo l'Accademia americana dei chirurghi ortopedici (AAOS). Cercare una banda bianca nella parte superiore dell'omero e lungo la parte superiore della scapola per individuare questo muscolo. Chiedete al vostro medico a sottolineare gli altri muscoli compreso il sottospinato, piccolo rotondo e sottoscapolare.

Passo 4

Cercare una perturbazione nel tendine o muscolo che apparirà come una linea nera attraverso il segnale bianco di uno qualsiasi dei muscoli della cuffia dei rotatori. Determinare se la linea nera va tutto il modo attraverso il bianco segnale o solo una parte del modo attraverso di essa per determinare il grado della vostra rottura della cuffia dei rotatori.

Passo 5

Chiedete al vostro medico se vi sono altre anomalie nella spalla, ad esempio una cartilagine lacrima, che può causare i sintomi.

Suggerimenti

  • Rimanere quanto più possibile fermi durante l'esplorazione di MRI per ottenere una buona immagine.