Effetti a lungo termine della sindrome di Stevens – Johnson

June 6

Sindrome di Stevens – Johnson è una rara e grave reazione allergica ai farmaci, quali anti-gotta farmaci, farmaci antinfiammatori non steroidei, farmaci sulfamidici o sulfamidici contenente penicillina e Anticonvulsante. Infezioni, come herpes simplex o zoster, HIV ed epatite possono causare questa sindrome. Secondo il personale della clinica Mayo, complicazioni a lungo termine della sindrome di Stevens – Johnson sono debilitanti.

Infezione

Meningite e sepsi sono life-threatening complicazioni della sindrome di Stevens – Johnson. Cellulite, un'infezione acuta della pelle, può causare meningite e sepsi. La meningite è un'infezione delle membrane e liquido che circondano il cervello e il midollo spinale. La sepsi è una trasmissione rapida e progressiva dei batteri e delle tossine in tutto il corpo. Può causare settico guasto dell'organo e di scossa.

Danni agli occhi

Le chiazze cutanee connesse con la sindrome di Stevens - Johnson porta a irritazione degli occhi. Irritazione e secchezza degli occhi è associati con i casi lievi della condizione. Vasto danno di tessuto che può portare alla cecità è una complicazione di casi gravi.

Danni permanenti

Le lesioni causate dalla sindrome di Stevens – Johnson possono portare a infiammazione dei polmoni, cuore, reni e fegato. Effetti a lungo termine sulla pelle includono cicatrici anormali dossi e cambiamenti nella colorazione di pigmentazione o pelle. I capelli possono cadere, e le unghie ed i toenails non possono crescere normalmente.